Frab's blog RSS




MacGuffin n.6 - Una magistrale dissertazione sulla palla

MacGuffin è una rivista per grafici, designer e architetti che vi stupirà per la profondità con cui analizza i singoli temi che danno il titolo e la specializzazione alle sue edizioni, dal lavello alla corda, dal letto alla finestra, per arrivare in questo numero 6 alla palla. MacGuffin traccia in ogni suo volume storia, anamnesi e dettagli di oggetti apparentemente comuni per dargli significati non banali e guardarli da un lato un po' meno considerato.  Non dovete essere appassionati di palle per parlare di palle. Ma il sesto numero di MacGuffin è un succulento bottino per chi deve avere a che fare o prendere ispirazione dalle rotondità di qualunque genere.    Gli autori esordiscono spiegando che l'intento di questo numero è...

Continua a leggere




Eccitarsi tra le pagine di una fanzine, ovvero Ossì

In principio fu De Sade e la sua "Filosofia nel Boudoir" a eccitare menti distratte che di quel testo coglievano solo la pornografia e non il pensiero socio-politico. Arrivarono poi le illustrazioni che in chiave ironica trasudavano erotismo ad ogni tratto di china. Toccò poi alla fotografia immortalare vogliose scene di amore carnale e, ancora, alla macchina da presa registrare scene e parole sussurrate o urlate da voluttuosi corpi in movimento. Si potrebbe rileggere l'intera rivoluzione industriale e tecnologica in chiave pornografica, dalla galassia Gutenberg a internet, ma se nel corso dei secoli sono cambiati i supporti su cui vive il mondo del porno, a non essere cambiato è il piacere di eccitarsi. Contro la crisi dell'editoria e del settore del porno d'autore, anche il mondo degli indiemags accoglie...

Continua a leggere



Riviste cinesi di moda: Rouge Fashion Book e le altre

La Cina è vicina. Ma soprattutto la Cina si candida a diventare la più grande superpotenza anche in campi dove il vecchio mondo e l'Italia in particolare continuano a difendersi solamente forti di vecchie glorie del passato. Tra questi, la moda. Dagli anni '80 in poi, con la morte di Mao e la fine del rigido statalismo, la Cina ed i suoi miliardi di cittadini, come veniva ben descritto pochi anni fa su D di Repubblica, nella moda hanno visto dapprima un'esplosione di colori ed eclettico caos ed oggi stanno raggiungendo livelli di maturità e capacità di autodeterminazione degni di nota. Gli anni '90, quelli per intenderci dei cinesi che venivano qua per copiare, la rinnovata condizione di semilibertà in un...

Continua a leggere