Eccitarsi tra le pagine di una fanzine, ovvero Ossì


In principio fu De Sade e la sua "Filosofia nel Boudoir" a eccitare menti distratte che di quel testo coglievano solo la pornografia e non il pensiero socio-politico. Arrivarono poi le illustrazioni che in chiave ironica trasudavano erotismo ad ogni tratto di china. Toccò poi alla fotografia immortalare vogliose scene di amore carnale e, ancora, alla macchina da presa registrare scene e parole sussurrate o urlate da voluttuosi corpi in movimento. Si potrebbe rileggere l'intera rivoluzione industriale e tecnologica in chiave pornografica, dalla galassia Gutenberg a internet, ma se nel corso dei secoli sono cambiati i supporti su cui vive il mondo del porno, a non essere cambiato è il piacere di eccitarsi.

Contro la crisi dell'editoria e del settore del porno d'autore, anche il mondo degli indiemags accoglie il suo stuolo di riviste tutte dedicate all'erotismo. Con fotografie a metà tra l'arte e la moda e testi che nulla hanno a che fare col romanzetto alla "50 sfumature", magazine come Extra Extra, Odiseo o Phile, ridefiniscano i confini della pubblicazione erotica ed eccitano tutti i sensi, a partire dall'occhio allenato alla ricerca del bello.

A farci prepotentemente godere su carta c'è anche Ossì, fanzine erotica tutta italiana nata dal genio di Alice Scornajenghi. 
Noi la adoriamo a partire dal suo titolo, che è la trasposizione onomatopeica di uno dei più classici gemiti emessi tra le lenzuola, fino alle sue pagine intrise d’inchiostro fluo, foto spinte ma sensuali e texture psichedeliche, in cui c’è da perdersi a sospironi. “In ogni numero un racconto zozzo da mondi che speriamo esistano davvero e le foto scattate da qualcuno che vorresti ti conoscesse”, recita a onor del vero il retro di copertina dei tre numeri finora pubblicati.

Ossì fanzine erotica_frab's magazines

Curiosi di conoscere di più su questo incredibile progetto, abbiamo intervistato per Artwave.it la sua fondatrice che ci ha raccontato di come le è venuta voglia di realizzare un "un giornaletto zozzo fatto bene".
Trovi l'intervista completa ad Alice QUI


Lascia un commento


Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima della pubblicazione